Post Scriptum – I lupi

Scritto da cortesi on . Postato in Post Scriptum : Dialoghi senza cravatta

“Akela, il grande Lupo Solitario grigio, che comandava tutto il Branco con forza e astuzia, se ne stava completamente allungato sulla sua rupe, e sotto di lui sedevano quaranta o più lupi di ogni dimensione e colore”. Rudyard Kipling, nel suo Il libro della giungla, così descrive il lupo alfa, capo del branco in cui viene cresciuto il cucciolo d’uomo Mowgli. I lupi sono organizzati in branchi con strutture gerarchiche estremamente definite e rispettate, aventi ciascuno una propria legittima funzione. Fondamentale è il ruolo del maschio alfa, garante del mantenimento della specie, vera guida del branco, leader d’eccezione, colui che sa sempre cosa fare, dove andare, cosa dire e che è disposto a cedere lo scettro della propria responsabilità solo per un rivale migliore di lui. Ma altrettanto importante, per quanto poco conosciuto e forse meno affascinante, è il ruolo del maschio omega, il grado più basso della scala gerarchica del branco. I lupi omega hanno il compito di ripristinare l’armonia, di calmare la situazione. Come dei giullari di corte, inventano storie e fanno facce e si mettono in pose strane, per attirare l’attenzione su di loro, incuriosire gli altri lupi e disinnescare le tensioni del gruppo. Un istinto innato al mantenimento e al ben andamento dell’organizzazione.    

I_lupi

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento


9 × = trenta sei

Per informazioni - email: info@gabrielliassociati.it
telefono: +39.329.2182011

Studio Gabrielli Associati srl
CF e P. IVA: 08889671007

Sede legale
Roma - Via Giuseppe Lazzati, 185, CAP 00166

Sedi operative:
Roma - Via Fogliano, 3 - CAP 00199 - Tel: 06.85356030
Offida (AP) - Via Fernando Fabiani, 24 - CAP 63073 - Tel: 0736.887080